Cronaca Via Sacadur

Ono San Pietro, autopsia: fratellini narcotizzati prima dell'incendio

Nei polmoni non è stata trovata traccia di fumo

I due fratellini Davide e Andrea

Erano già morti Davide e Andrea, i due fratellini di 12 e 9 anni, quando le fiamme hanno avvolto il letto in cui dormivano. "Messi in condizioni di non poter reagire al fumo", dicono in procura a Brescia, dove nel tardo pomeriggio sono arrivati i risultati dall'autopsia eseguita agli Spedali Civili di Brescia.

Di sicuro non li ha uccisi il fuoco e c'é fumo nei polmoni ma non sufficiente a provocare la morte. Resta l'ipotesi che prima siano stati avvelenati. 'Narcotizzati', precisano ancora in procura. Non esiste più alcun dubbio, non è stata una disgrazia o un incidente domestico a provocare la morte dei due fratelli trovati carbonizzati ieri mattina nella casa del padre con cui stavano trascorrendo una decina di giorni, a Ono San Pietro in Vallecamonica.

L'uomo Pasquale Iacovone, quarantenne che aveva giurato all'ex moglie di ammazzare lei e i figli, è in gravissime condizione all'ospedale di Padova. Era in casa con i due bambini e i sospetti che sia stato lui a uccidere i figli per poi tentare il suicidio si fanno sempre più pesanti. Per il momento il fascicolo della procura di Brescia che indaga per duplice omicidio resta aperto contro ignoti. Non ci sono segni di violenza sui corpi e le analisi chimico-tossicologiche dovranno chiarire con cosa sono stati avvelenati.

"Lo sapevo, lo sapevamo tutti, anche la madre non si è illusa neppure per un istante" - mormora il legale di Erica Patti, Pierluigi Milano che da un anno segue le vicende giudiziarie della donna, sia quelle che riguardano la separazione sia le persecuzioni di Pasquale, denunciato per stalking. Erica, 37 anni, aveva paura, ogni volta che doveva lasciare i figli all'ex marito, da cui era separata da 4 anni.

Avevano continuato entrambi a vivere nel paesino dalla Valcamonica, a 200 metri di distanza, e i bambini vedevano volentieri e regolarmente il padre. "Non voglio che i miei timori influenzino i rapporti tra i figli e il padre a cui vogliono un gran bene - diceva sempre chiedendo poi di essere rassicurata dal suo legale.

"Ma lei crede davvero che potrebbe fare del male ai piccoli?", gli domandava e Milani le rispondeva: "ma no, non lo prenda troppo sul serio uno che vuole uccidere lo fa e basta non lo sta a urlare continuamente ai 4 venti".

Lo aveva comunque denunciato una decina di volte per stalking (e l'uomo infatti era destinatario di un provvedimento per stare alla larga dalla moglie), aveva chiesto un sostegno psicologico per i figli e la potestà genitoriale dell'uomo poteva essere limitata. Domenica sera Pasquale avrebbe dovuto riportare i figli alla madre.

Lei si è preoccupata, ha telefonato all'avvocato ma per non creare ulteriori tensioni in vista delle prossime scadenze giudiziarie, non ha voluto rivolgersi ai carabinieri. Qualcuno le ha riferito che i bambini erano stati visti giocare tranquilli nel pomeriggio di lunedì. Ma in mattinata l'uomo aveva ricevuto la citazione in tribunale per lo stalking e due giorni dopo avrebbe dovuto presentarsi dallo psicologo dei servizi sociali.

Così forse ha deciso di mettere in atto quello minacciava da mesi. "Avvocato - aveva detto qualche mese a Milani che l'aveva convocato sperando di farlo ragionale - lei non capisce, io non voglio né soldi, né altro, io a quella voglio fargliela pagare".

Dopo l'autopsia, la Procura della Repubblica di Brescia ha disposto il nulla osta per la sepoltura. I funerali saranno sabato 20 luglio. 

SULLO STESSO ARGOMENTO:
- Iacovone disse alla moglie: "Ti ammazzo i figli"
- Fissata la data dei funerali
- Ono San Pietro: morti due fratellini, grave il padre
- Don Pierangelo: "Uno scoppio prima dell'incendio"
- Le vittime: Davide e Andrea Iacovone
- Il sindaco del paese: "Rapporti tesi tra i genitori"
- Vigili del Fuoco: trovata una tanica di benzina
- L'avvocato della madre: "Non è una tragedia"
- Aperto fascicolo per duplice omicidio


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ono San Pietro, autopsia: fratellini narcotizzati prima dell'incendio

BresciaToday è in caricamento