Cronaca

Omicidio di Montichiari: a sparare è stata una Calibro 9

Secondo le ultime indiscrezioni, Michele Peroni è stato colpito alla nuca da un colpo di pistola calibro 9. Il colpo non è stato esploso da distanza ravvicinata. Un secondo, invece, non è andato a segno

Secondo le ricostruzioni, i carabinieri della sezione investigazioni scientifiche, che si stanno occupando del caso insieme a quelli di Desenzano e al nucleo investigativo del comando provinciale di Brescia, coordinati dal sostituto procuratore Michele Stagno, avrebbero comunque trovato macchie di sangue al primo piano e nell'ascensore utilizzato per trasportare il corpo al terzo piano: qui, la 'Sis' avrebbe quindi rilevato anche segni di trascinamento, oltre ai frammenti del secondo proiettile sparato a vuoto. Intanto continua il lavoro degli inquirenti per raccogliere reperti e testimonianze, ascoltando tutti e 25 i colleghi di Peroni: cinque di loro sono stati anche sottoposti allo 'Stub' per individuare eventuali residui di polvere da sparo.

VISITA DEI GENITORI IN CARCERE. VISANI: "CONFESSANDO MI SON TOLTO UN PESO"

A decretarlo saranno le analisi dei Ris a cui i campioni verranno spediti all'inizio della prossima settimana insieme al resto del materiale raccolto sulla scena del delitto: tutti elementi utili alla risoluzione di un giallo che vede la morte violenta di un giovane descritto da tutti come un "bravo ragazzo, riservato", potrebbero derivare anche dai filmati di videosorveglianza dell'azienda monteclarense, anche se pare che l'area teatro del delitto non sia coperta dall'impianto.

PRIMI RISULTATI ANALISI DEL RIS DI PARMA
LEGGI I RISULTATI DELL'AUTOPSIA

Alcuni lavoratori del cementificio sono stati risentiti oggi, compreso quello che all'alba di ieri ha lanciato l'allarme al 118 dopo aver ritrovato il collega ormai morto e che aveva pensato ad un infortunio sul lavoro. In fabbrica c'erano solo loro due, per il turno di notte. Ascoltato per ore nella caserma di Montichiari per ricostruire orari e spostamenti, l'uomo avrebbe confermato di aver visto per l'ultima volta Peroni intorno alle due del mattino: si sarebbe quindi preoccupato e avrebbe poi iniziato a cercarlo. Fino a trovarlo, morto, alle 4.20 del mattino. I carabinieri hanno interrogato a lungo anche la moglie per verificare alcune dichiarazioni. Nella ricostruzione fornita dall'operaio ci sarebbero alcune incongruenze sugli orari, e proprio per questa ragione l'uomo è stato sentito a lungo anche ieri pomeriggio. Nel frattempo è stato conferito l'incarico di eseguire l'autopsia di Peroni, nell'obitorio del Civile.

Secondo le ultime indiscrezioni, Michele Peroni è stato colpito alla nuca da un colpo di pistola calibro 9 (la Beretta calibro 9 è data in dotazione all'esercito italiano). Il colpo non dovrebbe essere stato esploso da distanza ravvicinata. Il secondo, invece, non è andato a segno. L'assassino ha cercato di limitare i danni, cercando di arginare l'uscita del sangue infilando la testa del ragazzo in un sacchetto di plastica chiuso con un grosso elastico.

Nel trascinamento verso il forno per cercare di far sparire il cadavere, qualcuno deve aver disturbato l'intento dell'omicida, dato che il corpo è stato abbandonato a pochi metri dalla bocca del forno. Probabilmente ha sentito la presenza di qualche atra persona nello stabile. Non puo essersi inevece spaventato alla vista di telecamere di videosorveglianza, dato che queste ricoprono il perimetro dell'azienda e non il suo interno. Ora, oltre ai filmati, si sta analizzando i frammenti dei proiettili calibro 9 e le eventuali tracce lasciate sul sacchetto e sul cadavere del 27enne.

POSSIBILI CAUSE SCATENANTI L'ASSASSINO REO-CONFESSO VISANI
L'ASSASSINO SIMONE VISANI HA CONFESSATO
DOPO GLI STUB, SILENZIO DEGLI INQUIRENTI: SI ATTENDE L'ANALISI RIS SULLA PISTOLA
RIS DI PARMA: NEGATIVI 2 DEI 5 STUB

MERCOLEDI' 17 AGOSTO: ATTESA PER I RISULTATI DELL'AUTOPSIA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio di Montichiari: a sparare è stata una Calibro 9

BresciaToday è in caricamento