Green Hill, la tensione sale ancora: proiettili al sindaco Elena Zanola

Dopo episodi simili riguardanti il comandante della polizia locale e i funzionari dell'Asl - accusati della mancata chiusura dell'allevamento -, questa volta le minacce hanno avuto come destinatario il sindaco di Montichiari

Continua a salire la tensione intorno al caso Green Hill. Dopo il caso delle scorse settimane di un impiegato dell’allevamento che ha cercato di investire due attivisti, e le buste con proiettili al comandante della polizia locale e all’Asl, questa volta il destinatario delle minacce è lo stesso sindaco Elena Zanola e i suoi familiari.

Il sindaco si dice stanca e indignata, e le minacce nei suoi confronti il frutto di una campagna mediatica diffamatoria, dato che – a norma di legge – lei non ha nessun potere su un’eventuale chiusura dell’allevamento: “Dopo aver consultato i miei avvocati – ha dichiarato - chiederò danni a tutte quelle televisioni e a quei giornali nazionali che hanno diffuso notizie false”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto la protesta non sembra volersi fermare, e per il 14 gennaio è stata organizzata una fiaccolata che attraverserà il centro di Montichiari, a partire dalle 17.30, per chiedere nuovamente la chiusura di Green Hill.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Economia bresciana in lutto: è morto l'imprenditore Giuliano Gnutti

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune | 1 aprile 2020

  • Coronavirus, nel Bresciano quasi 7000 casi e oltre 1000 decessi

Torna su
BresciaToday è in caricamento