Cronaca

Profughi in famiglia, la proposta di Galletti sarà presto realtà

Le associazioni e le cooperative che fanno capo al Forum Terzo Settore si sono riunite ieri per fare il punto della situazione: sarà stilato un protocollo con regole e vincoli precisi, da sottoporre a fine mese anche alla Prefettura.

Foto di repertorio

BRESCIA - La proposta del segretario Cgil Damiano Galletti di accogliere i profughi nelle famiglie disponibili a farlo potrebbe diventare presto realtà.

Il tema è stato discusso ieri, come riporta Bresciaoggi, in una riunione di una ventina tra associazioni e cooperative che fanno capo al Forum del Terzo Settore. 

I primi nuclei famigliari interessati hanno già chiesto informzioni alla Caritas e al Terzo Settore, ma anzitutto dovrà essere stilato un protocollo per la valutazione di ogni situazione e per definire con precisione regole e vincoli: sarà per esempio più probabile che nelle famiglie trovino ospitalità mamme e bimbi.

Le famiglie disponibili saranno raccolte in un apposito Albo, e potranno decidere se accogliere gratuitamente o dietro un compenso ancora da definire.

La formalizzazione è ancora tutta da strutturare, ma i profughi che saranno inseriti nelle famiglie saranno migranti già presenti da qualche tempo in Italia e ospitati in strutture. L'accoglienza sarà temporanea, per un arco compreso fra i 6 e i 9 mesi, per due o tre persone al massimo.

Il Forum si riunirà ora nuovamente il 24 settembre per poi porre la questione anche al vaglio della Prefettura. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi in famiglia, la proposta di Galletti sarà presto realtà

BresciaToday è in caricamento