Scarcerato il boss della Camorra: è ai domiciliari nel Bresciano insieme a moglie e figli

Pasquale Zagaria, contabile del clan dei Casalesi, è malato di tumore. L'ospedale sardo dove era in cura ha interrotto le terapie a causa del Coronavirus, così al boss campano è stato concesso di scontare un periodo ai domiciliari a Pontevico dove abitano la moglie e i figli.

Pasquale Zagaria

Arrestato nel giugno 2007, era detenuto, in regime di 41 bis, nel carcere di massima sicurezza di Sassari. E lì avrebbe dovuto restare fino al 2027. La detenzione in prigione di Pasquale Zagaria è stata però interrotta dal Tribunale di Sorveglianza di Sassari, che ha disposto gli arresti domiciliari. Il camorrista, fratello del superboss Michele Zagaria, passerà 5 mesi nell'abitazione a Pontevico: proprio nel Comune bresciano abitano i figli e la moglie 44enne.

Considerato dagli inquirenti la mente economica del clan dei Casalesi, sta lottando contro un cancro ed è già stato sottoposto ad alcuni interventi. La decisione dei  magistrati sarebbe dovuta al Coronavirus. A causa dell'emergenza sanitaria, l'ospedale di Sassari dove il 60enne era in cura - come tutti quelli dell'isola - sono stati destinati all'emergenza Covid, rendendo di fatto impossibile  - scrivono i magistrati - garantire al detenuto la prosecuzione dell'iter diagnostico e terapeutico.

Una decisione che ha già sollevato un vespaio di polemiche e non solo tra gli abitanti del paese bresciano, che peraltro è stato il primo in cui si sono registrati casi di Covid-19. Pare che prima di dare l'ok alla scarcerazione i magistrati abbiano cercato un penitenziario più idoneo dove trasferire 'Bin Laden' (questo il soprannome affidato dal clan a Zagaria), ma il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria non avrebbe fornito risposte. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda vuole vederci chiaro anche il Ministro Bonafede che ha disposto ispezioni sia nel tribunale sardo al quale Zagaria si era rivolto che nel  Dipartimento dell’amministrazione peninteziaria. Nel frattempo il 60enne è già arrivato nel Bresciano e ha riabbracciato la 44enne sposata nel 2001 e i suoi figli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento