Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca

Operaio rapito, clamoroso colpo di scena: erano nascosti a casa della ex

I dettagli della vicenda: il rapitore Abdelouahed Haida e il rapito Mirko Giacomini erano nascosti a Castello di Villanuova, nella casa di Angela Isonni

Mirko Giacomini e Abdelouahed Haida

Il blitz si è concluso pochi minuti più tardi, e senza feriti: Haida non ha opposto alcuna resistenza. Ha consegnato subito la pistola, che come detto era solo una scacciacani, poi è salito in auto, a testa bassa. In nottata è stato sicuramente ascoltato da carabinieri e pm, nella caserma di Piazza Tebaldo Brusato. Sono stati trasferiti a Brescia anche Giacomini e Isonni: anche loro dovranno raccontare è successo.

Una storia a lieto fine: a poche ore dal disperato appello della madre, le sue preghiere sono state esaurite. “Spero tanto che mio figlio stia bene”, aveva detto mamma Mariella. E così è stato, e meno male: fuori dalla porta della casa di Sopraponte erano arrivati anche i cugini, a cui è stato affidato il compito familiare di tenere lontano i curiosi.

Le indagini dei carabinieri

Le indagini proseguono. Solo nelle prossime ore il quadro si farà definitivamente più chiaro. Tutta la vicenda dovrà essere ricostruita dagli inquirenti: il primo rapimento, quando Daniele Stucchi sarebbe stato caricato sulla sua auto, arma in pugno, all'uscita dalla Saf di Muscoline. Poi la corsa fino a Gavardo, il sequestro di Giacomini, la fuga nella notte fino a Prandaglio (dove l'auto è stata ritrovata) e Berniga. Nascosti a casa della ex, che non si sarebbe accorta di nulla fino a giovedì sera. E poi il movente: soltanto folle gelosia oppure qualcosa d'altro? Circostanze su cui i carabinieri vogliono vederci chiaro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio rapito, clamoroso colpo di scena: erano nascosti a casa della ex

BresciaToday è in caricamento