Imprenditore ucciso: i nipoti disposti a parlare, Alex e Giacomo in Procura

Saranno presto interrogati i due fratelli Bozzoli, Alex e Giacomo, indagati per omicidio e distruzione di cadavere

Giacomo, Mario e Alessandro Bozzoli

Saranno presto interrogati i due fratelli Bozzoli, Alex e Giacomo, i nipoti dell'imprenditore scomparso da Marcheno l'8 ottobre 2015: da allora non si sono avute più sue notizie, ma dalla Procura di Brescia (che ha da poco chiuso le indagini) sono convinti che possa essere stato ucciso, messo in un sacco e portato via in auto, lontano dalla fonderia di famiglia. I principali accusati (nonché gli unici) sono appunto Alex e Giacomo Bozzoli: su di loro s'indaga per omicidio e distruzione di cadavere.

Indagini per omicidio

Nell'elenco degli indagati, ma solo per favoreggiamento, ci sono anche due operai della fonderia di Marcheno: Aboagye Awasi detto Abu e Oscar Maggi. L'ipotesi degli inquirenti, sulla base delle perizie e delle risultanze delle ultime indagini, è che Mario Bozzoli sia stato ucciso ancora all'interno della fabbrica, e poi portato via in auto, probabilmente dal nipote Giacomo.

Lui che, così emerge dagli atti dell'inchiesta, a detta dell'ex fidanzata di Alex sarebbe stato addirittura “ossessionato” dallo zio, e alla ragazza avrebbe addirittura raccontato di volerlo uccidere. Non ci sono prove specifiche, al momento, che sostengano la tesi degli investigatori.

Quello che verrà organizzato in tempi brevi sarà comunque il primo vero interrogatorio cui saranno sottoposti i fratelli Bozzoli. Erano stati già sentiti a poche ore dalla scomparsa dello zio. Ma da quel momento in poi si sono sempre avvalsi della facoltà di non rispondere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo interrogatorio

In particolare Giacomo Bozzoli era stato ascoltato relativamente ai suoi movimenti, dentro e fuori la fonderia, nella sera della scomparsa. Sarebbe entrato e uscito per due volte: ai carabinieri disse di farlo spesso, quando si dimenticava di qualcosa o di parlare con gli operai. La mattina seguente ha raccontato di aver ricevuto una telefonata dalla madre, che lo informava della scomparsa. In seguito non parlò con nessuno. Agli inquirenti disse infine che suo zio poteva essere stato rapito, oppure fuggito con un'amante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Oltre 2300 in terapia intensiva, governo pronto al nuovo lockdown in Italia"

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Autocertificazione covid Lombardia: modulo da scaricare Ottobre 2020

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento