Marcheno, riprese le ricerche nel fiume Mella e nelle aree verdi

Al lavoro vigili del fuoco e protezione civile. Non è ancora chiaro cosa stiano cercando: forse i resti di Bozzoli o qualche elemento utile alle indagini

Sommozzatori al lavoro (immagine repertorio)

Potrebbe celarsi un cambio di strategia nelle indagini dietro alla decisione di passare nuovamente al setaccio il fiume Mella e le zone verdi a ridosso della Fonderia Bozzoli di Marcheno. Nella mattinata di sabato 31 ottobre, come riportato da Il Giornale di Brescia, vigili del fuoco e protezione civile stanno battendo palmo a palmo il corso d’acqua e le zone verdi.

Non è ancora chiaro cosa stiano cercando, né che indicazioni abbiano ricevuto dagli inquirenti. Potrebbero cercare i resti di Bozzoli o qualche elemento utile alle indagini. 

Nel frattempo nello stabilimento è al lavoro l’anatomopatologa Cristina Cattaneo che con la sua squadra sta passando al setaccio tutti gli scarti del processo produttivo della fonderia in cerca di una traccia di Mario Bozzoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Il governo approva il decreto per il Natale: i divieti e le regole sugli spostamenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento