Incidenti stradali

Giovane padre travolto e ucciso da un'auto pirata: al volante c'era un carabiniere

La vittima stava andando al lavoro in bicicletta. Lascia un bimbo di soli 6 anni

Foto d'archivio

La svolta nelle indagini è arrivata a oltre 10 giorni dalla tragedia costata la vita a un uomo di soli 38 anni, padre di un bimbo di 6. Il conducente dell'auto che ha travolto e ucciso Basant Singh (questo il nome della vittima), per poi fuggire senza prestare soccorso,  si è costituito nelle scorse ore. Si tratta di un carabiniere di casa nella Bergamasca, ma in servizio in un'altra provincia.

Il militare avrebbe reso spontanee dichiarazioni alla caserma di Calcio, ammettendo le sue responsabilità. I colleghi lo stavano cercando dallo scorso 10 dicembre, quando il 38enne, di origine indiana ma di casa da molti anni nella Bergamasca, era stato investito lungo la provinciale 105 in territorio di Fontanella, dove abitava, a una decina di chilometri da Orzinuovi.

Il giovane padre faceva il mungitore: stava andando a lavorare in un'azienda agricola della zona, quando è stato travolto dalla Citroen rossa e sbalzato nei campi adiacenti la strada. Un impatto devastante e, purtroppo, fatale: per il 38enne non c'era infatti stato più nulla fare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane padre travolto e ucciso da un'auto pirata: al volante c'era un carabiniere

BresciaToday è in caricamento