La strage di Esine tra lacrime e rabbia: la dinamica è ancora un mistero

Cosa è davvero successo venerdì sera sulla Statale 42: le indagini della Polstrada seguono una nuova pista. Lunedì pomeriggio l'ultimo saluto a Claudia e Giulia

Claudia Marioli e Giulia Vangelisti

Proseguono le indagini della Polizia Stradale sulla tragedia di venerdì sera a Esine, sulla Ss42, quando poco dopo le 22 in un tremendo schianto frontale hanno perso la vita Claudia Marioli, 19 anni, e Giulia Vangelisti, 20. I funerali delle due giovanissime saranno celebrati lunedì pomeriggio in contemporanea, alle 15 nei cimiteri di Esine, dove abitava Claudia, e di Cividate Camuno, dove invece viveva Giulia.

Sono diversi i fronti degli accertamenti della Polstrada: la Procura, come da prassi, intanto ha già aperto un fascicolo per omicidio stradale. Gli inquirenti attendono l'esito degli esami tossicologici (alcol e droga) per chi era alla guida dell'Audi A4 che si è schiantata con la Opel Corsa delle due ragazze: i cinque uomini che erano a bordo, di età compresa tra i 30 e i 40 anni, sono ancora in ospedale.

Cinque feriti in ospedale, quattro ancora gravi

Quattro di loro sono ricoverati in prognosi riservata al Niguarda di Milano e alla Poliambulanza di Brescia, e due in condizioni così gravi da non essere ancora fuori pericolo: solo il quinto se l'è cavata con qualche contusione a poco più, attualmente ricoverato al nosocomio di Esine. Nelle prossime ore sono attesi ulteriori sviluppi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si ragiona ad esempio sulla dinamica, ancora poco chiara: dalle prime testimonianze raccolte sembrava fosse certo che l'Audi avesse sbandato e travolto la Opel delle due ragazze, ora non si può escludere che sia successo il contrario. E' comunque unanime, sui social e non solo, il giudizio sulla pericolosità di quel tratto stradale, teatro di innumerevoli incidenti (anche mortali) negli ultimi anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Shampoo e docciaschiuma, fa il bagno nella fontana della piazza

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento