menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strage di Piazza Loggia: saranno risentiti solo i periti dell'esplosivo

La Corte d'appello ha rigettato le richieste di rinnovazione dell'istruzione dibattimentale formulate dal procuratore generale. Unica eccezione l'esame dei periti Schiavi e Brandonesul sul tipo di esplosivo utilizzato

La Corte d'assise d'appello di Brescia, dopo oltre due ore di Camera di consiglio, ha respinto le richieste di rinnovazione dell'istruzione dibattimentale formulate dal procuratore generale, ad eccezione dell'esame dei periti Romano Schiavi e Alberto Brandone, che durante la prima inchiesta raccolsero elementi per stabilire che tipo di esplosivo fosse stato utilizzato nella strage di piazza Loggia del 28 maggio 1974.

- Strage Piazza Loggia, processo d'appello: le prime richieste dell'accusa
- Strage di Piazza Loggia, Maggi: "Sono innocente, mi perseguitano"


In aula, quindi, si tornerà ad esaminare uno dei punti chiave rimasto oscuro fino ad oggi. "Non vi è dubbio che l'esame dei primi periti - ha detto il presidente della Corte Enzo Platé - sia potenzialmente idoneo a eliminare dubbi e zone d'ombra sul tipo di esplosivo utilizzato". Un elemento che potrà poi concorrere a stabilire l'attendibilità della descrizione dell'ordigno fornita dai testimoni.

- Strage di Piazza Loggia, inizia al Palagiustizia il processo d'appello

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Provincia di Brescia: morti e contagi di sabato 16 gennaio 2021

Coronavirus

Festa abusiva tra le mura di casa: 4.400 euro di multa per 11 ragazzi

Coronavirus

Barista decide di non chiudere più: già 20 multe per lui e i suoi clienti

Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento