Freccia Rossa: “Nei parcheggi ragazzine che fanno sesso orale? Da sempre”

Il caso delle baby squillo sta facendo discutere la città, ma non stupisce i commercianti del Freccia Rossa: "Di ragazzine che fanno sesso orale nei parcheggi del centro commerciale ce ne sono sempre state", racconta una barista

Foto di repertorio

BRESCIA. Il centro commerciale Freccia Rossa è ormai un caso da un paio settimane. Cioè da quando è finito al centro delle cronache cittadine per due vicende ben poco edificanti, che hanno come protagonisti i suoi clienti più assidui: i giovani. Prima la banda di baby criminali che seminava il terrore tra le commesse dei negozi e i coetanei, poi il giro di prostituzione minorile scoperto nel parcheggio sotterraneo dalla polizia Provinciale.

Scene degradanti che si svolgerebbero in pieno giorno, sotto gli occhi dei commercianti e dei clienti. Per capire che il centro sia il luogo di aggregazione dei più giovani non ci vuole poi molto. Alle due del pomeriggio brulica di adolescenti che dopo il suono della campanella si danno appuntamento tra i tavoli dall’area ristorazione. Zaino sulle spalle, vestiti all’ultima moda, consumano un pranzo veloce senza staccare lo sguardo dello smartphone, poi si dirigono verso la balconata esterna per fumare una sigaretta lontano da occhi indiscreti.

vai all'inchiestaE qui che incontriamo Serena e Paola (nomi di fantasia), due 16enni residenti in provincia che trascorrono spesso il tempo libero girovagando per i negozi. Ci avviciniamo per chiedergli cosa sanno e cosa pensano di queste vicende che hanno scioccato gli adulti. “Della baby gang eravamo a conoscenza - raccontano -, tant’è che giriamo sempre con le tasche ben chiuse e i lucchetti sugli zaini e facciamo molta attenzione. Risse e litigi qui ce ne sono spesso, però del giro di prostituzione non sapevamo nulla, non ci è mai capitato di assistere a certe scene. Quelle ragazze l’avranno fatto per mettersi in mostra o magari per attirare l’attenzione dei genitori.”

Poco più in là c’è un addetto alla sicurezza che osserva con attenzione ciò che succede sulla terrazza. Due ragazzi inscenano un incontro di boxe per ‘intrattenere’ una coetanea: normalissimi spaccati d’adolescenza. Ma chi lavora nel polo dello shopping non serba un'immagine così innocente di questa brulicante gioventù. 

Di ragazzine che fanno sesso orale nei parcheggi ce ne sono sempre state, non è una novità - riferisce una barista del Coffee Shop -. Non siamo affatto stupiti del caso appena scoppiato delle baby squillo: capita spesso di vedere delle adolescenti in compagnia di ragazzi più grandi o, addirittura, di uomini “

“Quelli appena emersi sono episodi vecchi - afferma con sicurezza Enrica, la titolare del centro estetico k2 - , che risalgono almeno a 5 anni fa: allora sì che capitava spesso di vedere dei ragazzini - e non solo - fare sesso nell’automobili nei parcheggi sotterranei, ora però non è più così. Di adolescenti ce se sono molti, a qualsiasi ora del giorno. Io lavoro qui da quando il centro ha aperto e negli anni ho assistito a scene di tutti i tipi: dal ragazzino che gira ubriaco alle 8 del mattino, a quello che molesta le commesse, fino alle risse. Ma ora non è più così. La vigilanza è sempre presente, vengono controllati addirittura i bagni: se qualcuno resta più di 5 minuti, i vigilantes bussano alla porta. Mi chiedo però dove siano i genitori: in tanti anni ho visto solo un padre venire a prendere il figlio che aveva commesso una bravata e portarselo via per le orecchie.”

Sull’argomento un secco no comment arriva dalla direzione del centro commerciale, che fa solo sapere in una nota: “La sicurezza dei propri ospiti rappresenta una priorità inderogabile per il Freccia Rossa, che  si impegna da sempre nell’attuazione di quanto possibile in materia di prevenzione.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento