Tragedia in casa: cade e batte la testa, muore dopo 2 giorni d’agonia

Non ce l'ha fatta Luciano Salvi, il 78enne di Borgosatollo che due giorni fa era caduto nella sua casa di Lodrino, dove stava trascorrendo qualche giorno di vacanza. Sabato mattina il funerale

Non ce l'ha fatta Luciano Salvi, il 78enne di Borgosatollo vittima due giorni fa di una bruttissima caduta in casa, mentre si trovava in vacanza a Lodrino. Sarebbe improvvisamente crollato a terra, sbattendo la testa prima contro una ringhiera e poi contro il pavimento.

Niente da fare: da due giorni Salvi era in coma, e ora dopo ora le speranze si son fatte più flebili. Fino a quando il suo cuore non ha smesso di battere, e i medici ne hanno constato il decesso. Era ricoverato nel reparto di Prima Rianimazione del Civile di Brescia.

Un'agonia lunga poco più di 48 ore: al suo capezzale si sono radunati i familiari e gli amici. Volto noto in paese, era stato il primo idraulico del dopoguerra, e ha svolto lo stesso lavoro per almeno 60 anni.

Anche il figlio Giuseppe è molto conosciuto: è il presidente dell'Associazione Calcio Borgosatollo. Oltre a Giuseppe, Luciano Salvi lascia le figlie Cristina e Laura, la moglie Giulia, i nipoti, le nuore, i generi. Sabato mattina i funerali, dalle 10 nella chiesa parrocchiale del paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo schianto col tir, poi l'inferno: manager d'azienda muore carbonizzato nella sua auto

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Brescia, morta Leontine Martin: era al vertice di un'azienda da mezzo miliardo di euro

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

  • Maltempo, arriva forte peggioramento: pioggia e abbondanti nevicate

Torna su
BresciaToday è in caricamento