Green Hill: ancora tempo per le adozioni. In arrivo nuove proteste

Sono migliaia le richieste di adozione dei cuccioli destinati alla sperimentazione arrivate da tutta Italia alle associazioni animaliste. Venerdì 27 luglio protesta davanti allo studio del commercialista di Green Hill

Non si fermano le richieste di adozione dei cani beagle per la sperimentazione allevati a Montichiari all'interno di Green Hill, sotto sequestro probatorio. Lo rende il Coordinamento fermare Green Hill invita, però, alla prudenza.

"Invitiamo chi ci ha scritto proponendosi per adottare alcuni dei prigionieri di Green Hill a seguire la vicenda e aspettare - fa sapere il Coordinamento con una nota. -Se e quando ci sarà la possibilità di adottare gli animali non mancheremo di comunicare contatti e modalità".

- Lasciateci adottare i cuccioli! Firma la petizione
- Adozione: l'Aidaa crea una lista per il pre-affido

Da scongiurare l'ipotesi che i beagle vengano affidati a realtà che non conoscono a fondo la vicenda: "Chi sta raccogliendo le pre-adesioni e facendo comunicati stampa per gli affidi - si legge nella nota - sono associazioni che non hanno fatto assolutamente nulla in questa lotta e che non hanno contatti con le istituzioni coinvolte in un eventuale sequestro definitivo".

La mobilitazione degli animalisti, nel frattempo, non si ferma. Venerdì 27 luglio alle 17 è annunciata una protesta davanti allo studio del commercialista di Green Hill, in via Arcivescovado a Milano. Alle 18.30 la protesta dovrebbe spostarsi in via Visconti, fuori dallo studio dei legali dell'azienda.



In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento