Cronaca

Giovane mamma scomparsa, il giallo dell’ultima telefonata: "Mi sento male"

Continuano le ricerche di Sara Capoferri, scomparsa dalla notte di martedì: proprio quella sera l'ultima telefonata ad un amico. La sua auto è stata trovata bruciata nelle campagne di Berlingo

S'indaga su quell'ultima telefonata, alle 3 di notte: avrebbe chiamato un suo amico dicendogli di sentirsi male. Lui l'avrebbe allora raggiunta, ma lei ci avrebbe ripensato: “Tutto a posto, vado a casa”. Qualcosa di strano doveva esserci, perché lui l'ha seguita: ma l'ha persa di vista in territorio di Rovato, località Bargnana.

Un mistero ancora senza risposta quello della scomparsa di Sara Capoferri, la giovane mamma di 37 anni (ha una figlia di 16) di cui non si hanno notizie ormai da più di cinque giorni. L'ultima volta è stata vista proprio dal suo amico, prima a Ospitaletto e poi in macchina fino a Rovato: da allora, il buio.

Meno di 48 ore più tardi, giovedì notte, la terribile scoperta: la sua Nissan Micra, completamente bruciata e abbandonata nelle campagne di Berlingo. Secondo il racconto di alcuni testimoni l'auto era stata lasciata nelle vicinanze di un muro di cinta, e avrebbe preso fuoco proprio giovedì sera.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovane mamma scomparsa, il giallo dell’ultima telefonata: "Mi sento male"

BresciaToday è in caricamento