menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santorum: il pretendente alla Casa Bianca che viene dal lago di Garda

Rick Santorum, in corsa nelle primarie repubblicane che sceglieranno il candidato alla Casa Bianca, è nipote di nonno Pietro, sbarcato in America da Riva del Garda. Ieri, in Iowa, ha perso di soli 8 voti contro il favorito Romney

Dall'Iowa, dove han preso il via i caucus che aprono le primarie dei repubblicani per la corsa alla Casa Bianca, l'ex senatore della Pennsylvania Rick Santorum si è detto "molto orgoglioso" delle sue origini italiane. "Farò in modo che ci sia sempre cibo italiano alla Casa Bianca", ha aggiunto ai microfoni di Sky Tg24 il 53enne candidato cattolico del Gop, figlio dell'immigrato trentino Aldo e dell'italo-irlandese Catherine Dughi

Rimasto praticamente nelle retrovie dei sondaggi da quando ha annunciato la sua candidatura lo scorso giugno, Rick Santorum in queste ultime battute di campagna elettorale ha conquistato terreno nei sondaggi.

Ieri Rick non ha vinto ma puo' comunque sorridere: nonostante fosse dato per politicamente spacciato ai Causus dell'Iowa, ha perso di soli otto voti contro il suo avversario, Mitt Romney, mettendone in discussione l'invincibilita'. Restano pero' i dubbi se abbia o meno la capacita' organizzativa e politica per sconfiggere Romney nel lungo percorso che portera' alle presidenziali di novembre. Santorum gioca il suo conservatorismo sociale e fiscale come carte vincenti presentandosi al pubblico americano come l'alternativa conservatrice al piu' moderato Romney.

Il risultato ottenuto in Iowa ora lo spinge verso il New Hampshire per le primarie del 10 gennaio anche se resta ancora da vedere se l'idillio di Santorum con gli elettori dell'Iowa sara' sufficiente per sostenere la sua campagna in tutto il Paese.

La storia dell'ex senatore repubblicano della Pennsylvania rappresenta veramente il frutto di una "successful story" dell'emigrazione italiana Oltreoceano, come ha voluto lui stesso sottolineare annunciando la sua candidatura da Somerset, la cittadina minerarie, dove arrivò suo nonno Pietro, sbarcato in America da Riva del Garda, in Trentino.

"Mio nonno, appena arrivato, lavorava nell'industria automobilistica, ma durante la depressione perse il lavoro, alla fine trovò lavoro nelle miniere della Pennsylvania occidentale e la sua famiglia lo raggiunse", ha raccontato Santorum . Così negli Stati Uniti arrivano la moglie Maria, insieme ai figli Bruno, Carla e Aldo, allora di appena sette anni, e futuro padre del senatore.

Già con Pietro la famiglia Santorum comincia a salire la scala sociale del famoso sogno americano: "Dopo diversi anni nelle miniere, la mia famiglia si trasferì nel quartiere bene di Tyler Hill", continua il racconto del repubblicano. Aldo frequenta la High school locale e, appena diplomato, nel 1942 si arruola nell'Army Air Corps e parte per la guerra nel Pacifico meridionale. Tornato in patria alla fine del conflitto, il giovane italiano sfrutta l'occasione offerta dal GI Bill, la legge che copriva le spese universitarie per i reduci: si laurea in psicologia al St. Francis College di Loretto, si specializza alla Catholic University di Washington e prende il dottorato in psichiatria all'università di Ottawa. Poi va a lavorare alla Veteran Administration dove incontra Catherine Dughi, anche lei di origine italiana, che diventa la moglie e la madre dei suoi tre figli.

"Lui era il cuoco della famiglia, la domenica cucinava sempre la pasta al sugo, allora non mi piaceva ma ora mi trovo a cucinarla per i miei figli", è uno dei quadretti da famiglia italiana rievocati dal senatore quando, lo scorso gennaio, è morto il padre che intanto si era ritirato in pensione in Florida.

Con la candidatura alla Casa Bianca, il conservatore Gop è tornato in politica dopo la sua uscita dal Senato nel 2007, dopo appena un mandato preceduto da quattro anni alla Camera. Fondatore e direttore del Program to Protect America's Freedom, dentro e fuori il Senato il repubblicano è stato un campione nella battaglia contro la minaccia del fondamentalismo islamico. Cattolico osservante, e padre di sette figli, Santorum è stato sempre un fervente nemico dell'aborto e difensore di quelli che i conservatori definiscono i "family values".

Santorum ha ancora parenti a Riva del Garda che vivono nella vecchia casa di famiglia. Uno è Aldo Santorum cugino di terzo grado. "Mio padre - ha raccontato all'Adnkronos - era suo primo cugino, perché fratello di suo nonno Pietro, che emigrò negli Stati Uniti ancora giovanissimo, negli anni della grande crisi". "Era impiegato alle Poste - ha aggiunto - Io lo vidi una sola volta. Ero un bambino, allora. Poi, non ho più avuto rapporti con lui. Una quindicina di anni fa venne al Varone sua zia Carla, per fare visita ai parenti, e da allora non li abbiamo più visti. Non so neppure se lui, Rick parli italiano...''.


(fonte: Asca/AdnKronos)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Pazienti positivi nell’ospedale no-Covid, chiuso un reparto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento