Cronaca

Otto rapine armati di coltello e taglierino: sono in carcere

Bottino complessivo di circa 20mila euro, prima dell'ultimo colpo fatale.

Nel giro di pochissime settimane hanno colpito addirittura otto volte, fino all'epilogo all'esterno di un supermercato nel Cremonese: quella che sembrava solo una banda improvvisata, a distanza di alcuni mesi si è rivelata essere una coppia di rapinatori seriale molto intraprendente. 

Un 40enne valsabbino ed un 19enne valtriumplino finirono in carcere a inizio aprile per un colpo messo a segno al supermercato Simply di Offanengo, in provincia di Cremona. Armati di pistola, scacciacani, e coltello, si impossessarono di 1.700 euro di incasso prima di essere bloccati dai carabinieri di Salò in borghese, da giorni sulle loro tracce. 

A distanza di tre mesi, dopo un accurato lavoro di indagine, i militari hanno scoperto che quella di Offanengo non era la prima rapina della coppia, anzi. I colpi attribuibili ai due sarebbero otto: al supermercato Di Più di Rezzato (bottino di ben 12mila euro), all'Eurospin di Vobarno (2.100 euro), al Simply di Rezzato (550 euro), alla Despar di Orzinuovi (500 euro) e al Lidl di Goito (2.800 euro). Prima dell'arresto la coppia prova a cambiare obiettivo, prendendo di mira due ristoranti, ma se a Manerba il colpo va a vuoto, a Polpenazze frutta solo 50 euro. Da qui, forse, la decisione di tornare ai supermercati, ma la carriera è finita con l'arresto dopo la rapina a Offanengo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Otto rapine armati di coltello e taglierino: sono in carcere

BresciaToday è in caricamento