menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Giovane ferito al volto dall'esplosione di un petardo, indagato il venditore

Nei guai un 40enne di Palazzolo: ha venduto il fuoco d'artificio al giovane montenegrino senza avere le necessarie autorizzazioni

Guai seri per un 40enne di Palazzolo, indagato per cessione illecita di materiale esplodente. Secondo quanto ricostruito dalla Questura di Brescia, l'uomo avrebbe venduto, senza esserne autorizzato, il petardo la cui esplosione ha gravemente ferito un 28enne originario del Montenegro nella notte di Capodanno. 

Il petardo era stato acquistato nella mattinata di quello stesso giorno e  poi inserito in un mortaio artigianale che avrebbe provocato l'esplosione sul volto della vittima. Il giovane ha riportato gravi ustioni al volto e un ematoma cranico: è stato ricoverato nel reparto di Neurochirurgia della Poliambulanza.  Le sue condizioni sarebbero in progressivo miglioramento e i medici hannoda poco sciolto la prognosi. 

Grazie ai residui del petardo trovati nel mortaio i poliziotti sono risaliti all'identità dell'uomo che aveva ceduto al 28enne il materiale pirotecnico, scoprendo che non era abilitato per tale vendita. È stato infatti accertato che il petardo appartiene alla categoria F4, relativa ai fuochi d’artificio che presentano un rischio potenziale elevato e destinati quindi ad essere usati esclusivamente da persone con conoscenze specialistiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia si avvicina alla zona arancione: c'è una data per sperare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento