menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un caso di Blue Tongue (Foto d'archivio)

Un caso di Blue Tongue (Foto d'archivio)

Focolaio di "Blue Tongue" in un allevamento: è allarme nel Bresciano

Un caso registrato di “blue tongue” in un allevamento di bovini a Milzano: ce ne sarebbe un altro a Ponti sul Mincio, in Veneto è una vera epidemia. La stalla verrà messa in quarantena

Allarme rosso: anzi, allarme “blu”. In un allevamento bresciano di bovini di Milzano sarebbe stato infatti accertato un caso di “blue tongue”, noto anche come “virus della lingua blu” o “febbre catarrale”. Si tratta di una malattia infettiva, anche se non contagiosa, trasmessa ai ruminanti dagli insetti.

Si manifesta in bovini e ovini (nei secondi in forma più grave) ma pure nei cervi, con sintomi caratterizzati da infiammazione, congestione, edema alla testa, emorragie, ulcere. L'animale rischia comunque di morire. Il segno caratteristico, e sensibile anche a occhio nudo, è la lingua malata, che tende ad assumere un colore vicino al bluastro.

L'allarme è stato lanciato da un allevamento di Milzano: una mucca è stata contagiata. Il caso è già stato accertato: disposta la quarantena dell'allevamento, il probabile abbattimento del capo, controlli serrati sugli altri animali per almeno altri due mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento