Più di 500 multe in tre mesi, tutti contro il semaforo di Manerbio

Automobilisti sul piede di guerra a Manerbio, dove il nuovo semaforo con rilevatore (installato circa tre mesi fa) avrebbe già sanzionato 500 vetture, per un incasso previsto di circa 50mila euro

Automobilisti sul piede di guerra a Manerbio, alle prese con un semaforo che in pochi mesi avrebbe già sanzionato quasi 500 vetture, con una media da 162 euro a multa per un incasso che da dicembre ad oggi arriverebbe a sfiorare i 50mila euro.

Numeri da capogiro per il semaforo con rilevatore installato all’incrocio tra Via Mazzini e Via Cremona. Ogni giorno il flash scatta almeno otto volte, per chi passa con il rosso. Una media accettabile per la Polizia Locale: su quella strada infatti, hanno fatto notare dal comando, si conterebbe il passaggio giornaliero di circa un migliaio di auto.

Il rilevatore semaforico è dotato di telecamera e, appunto, di flash. Con cui scattare fotografie alle targhe che non rispettano il rosso. Inevitabili le proteste da parte dei cittadini. Prima su Facebook, con un crescendo di indignazione.

Poi direttamente in caserma: gli uffici della Polizia Locale sarebbero stati invasi da automobilisti infastiditi, armati di multa (arrivata direttamente a casa) e pronti a fare la voce grossa, e a fare ricorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zone gialle, arancioni e rosse, cosa succede il 6 dicembre: c'è attesa per la Lombardia

  • Il dramma di Matteo, papà di due bambini: ucciso dalla malattia a 38 anni

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Ragazza di 13 anni scomparsa con l'amica, madre disperata: "Torna a casa amore mio"

  • Si compra la cocaina con i soldi delle multe: sospeso agente della Locale

  • Il governo approva il decreto per il Natale: i divieti e le regole sugli spostamenti

Torna su
BresciaToday è in caricamento