Al cimitero crollano le lapidi, donna sfiorata da 20 kg di marmo

Una cinquantina di lapidi a rischio crollo nel cimitero di Sant'Apollonio e San Sebastiano a Lumezzane, sostituite dal Comune a seguito di un brutto incidente che ha sfiorato un'anziana signora, quasi colpita da 20 chili di marmo

Una cinquantina di lapidi a rischio crollo, nelle ‘stanze’ sotterranee del cimitero di Sant’Apollonio e San Sebastiano, a Lumezzane. Prontamente sostituite dai ‘tecnici’ del Comune dopo che uno dei blocchi di marmo, pesanti anche una ventina di chili, ha rischiato di colpire un’anziana signora che stava ‘cambiando’ i fiori ad un parente defunto.

In tanti se ne sono accorti solo in occasione di Ognissanti, e del Giorno dei Morti. Cinquanta lapidi sostituite da ‘blocchi’ di plastica, che dovrebbero essere temporanei ma che invece rimarranno tali perché dagli uffici comunali fanno sapere che l’intenzione non è quella di rimettere il marmo: costa troppo.

E così toccherà ai privati, per ora. In molti già storcono il naso, e lamentano una mancata manutenzione da parte del Comune: a far crollare le coperture in marmo infatti, potrebbero essere tante piccole infiltrazioni di umidità, forse sottovalutate per troppo tempo.

Oltre a questo, anche un impianto elettrico spesso in panne, e che lascia le lapidi e le tombe dotate di lumini elettrici completamente al buio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento