Cronaca

Den Harrow tra Isola dei Famosi, Tom Hooker e.. Brescia!

Piccolo bilancio del bresciano d'adozione Stefano Zandri, in arte Den Harrow. Dopo la sua partecipazione all'Isola dei Famosi si toglie qualche sassolino dalla scarpa, e risponde per le rime a un certo Tom Hooker

“Non posso che sentirmi bresciano. Ho vissuto solo due anni a Roma, adesso è più di anno che sono tornato qua. Mi considerano e mi considero bresciano, anche mia figlia studia a Brescia. Penso proprio di essere un bresciano acquisito”. Den Harrow ha lasciato da poco L’Isola dei Famosi, non con qualche rimpianto, e in una lunga intervista rilasciata a un quotidiano online milanese non poteva che togliersi qualche soddisfazione.

“Questa sarebbe stata l’Isola della mia maturità – ha dichiarato – è un vero peccato che non mi abbiano fatto continuare, ho voluto partecipare perché sapevo di poter arrivare fino in fondo. Mi ero allenato, mi ero preparato sia fisicamente che psicologicamente. Ma quando hanno misurato il mio battito cardiaco, a 30 pulsazioni al minuto, si sono un po’ spaventati. Ho provato a convincerli che stavo benissimo, ero pronto anche a firmare una liberatoria con cui toglievo da ogni impiccio sia la Rai che Magnolia. Non c’è stato niente da fare. Poco male, mi sono divertito lo stesso”.

L’Isola dei Famosi non è facile come sembra, si mangia poco, la notte fa freddo, c’è tantissima umidità, le giornate sono lunghissime. Ma per uno come Stefano Zandri, questo il suo nome registrato all’anagrafe, l’edizione 2012 poteva essere quella buona. Considerato da molti il primo e ultimo protagonista della dance music made in Italy degli anni ’80, suo malgrado è stato protagonista di una querelle d’altri tempi, accusato dal suo vecchio amico Tom Hooker di essere semplicemente un mimo, e non un vero cantante.

La sua risposta non si è fatta attendere: “Tom Hooker? Non era nessuno 30 anni fa, non è nessuno adesso. Io sono abituato a parlare con i fatti, e i fatti dicono che Den Harrow ha vinto due Grammy e due Festivalbar, e ha venduto 20 milioni di dischi. Lui è stato un buon collaboratore, niente di più, uno che si è limitato a seguirmi quando gli ha fatto comodo. La gente ha già deciso chi merita di essere ricordato, questa è l’unica risposta, non ce ne sono altre”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Den Harrow tra Isola dei Famosi, Tom Hooker e.. Brescia!

BresciaToday è in caricamento