Precipita sulle rocce col parapendio, muore padre di tre giovani figli

Tragedia sul lago d'Iseo: Giuseppe Rinaldi è precipitato col parapendio ed è morto sulle rocce. Lascia moglie e tre giovani figli

Giuseppe Rinaldi

E' stato tradito dal vento e dall'aria, gli elementi naturali che invece l'avevano sempre accompagnato nella sua più grande passione: è morto precipitando con il parapendio il 58enne Giuseppe Rinaldi, originario di Provaglio d'Iseo ma da tempo residente a Bornato, frazione di Cazzago San Martino. Lascia la moglie Maria e tre giovani figli, di 16, 22 e 28 anni.

L'incidente a Punta Almana

L'allarme è stato lanciato poco dopo le 16.30. Rinaldi aveva raggiunto Punta Almana, sopra Sale Marasino, per librarsi in volo con il suo parapendio: era una “pista” che conosceva bene, che nella vita aveva già sorvolato per decine se non centinaia di volte. Ma qualcosa è andato storto. Sarebbe stato infatti un'improvviso cambio di temperatura dell'aria a provocare l'incidente.

Una corrente termica che ha “sballato” il suo sorvolo, scatenando un improvviso “avvitamento” (una perdita di quota dovuta alla vela che si sgonfia) che lo ha fatto precipitare nel vuoto per decine di metri, fino a schiantarsi con le rocce della montagna. Niente da fare, purtroppo: l'impatto è stato così violento che il 58enne è morto sul colpo.

Il difficile recupero della salma

La salma è stata recuperata solo due ore più tardi, a seguito dell'intervento congiunto di carabinieri, vigili del fuoco e operatori sanitari. Sul posto anche un'ambulanza dei volontari di Sale Marasino, e l'elicottero decollato da Bergamo: da qui gli operatori del Soccorso alpino hanno recuperato il corpo con un verricello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La salma ora riposa in ospedale a Iseo, in attesa dei doverosi accertamenti medico-legali. Solo in seguito verrà messa a disposizione dei familiari per organizzare i funerali. Nato e cresciuto in Franciacorta, dove ha sempre vissuto, Rinaldi faceva l'impiegato, dopo aver lavorato a lungo anche nel settore della ristorazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Terribile tragedia: bimba di 7 mesi muore soffocata da un palloncino

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Si sente male in classe, è positivo al tampone: nuova quarantena a scuola

  • Tragedia sui cieli della Lombardia: aereo precipita e prende fuoco, due morti

  • Una frenata e poi lo schianto: padre di famiglia muore sul colpo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento