Giuseppe è scomparso nel nulla, l'appello: "Aiutateci a ritrovarlo"

Sono passati ormai più di sette giorni dall'ultima volta che è stato visto: ancora nessuna notizia di Giuseppe Antonelli di Gussago, che manca da casa da martedì scorso

Sono ormai più di sette giorni che non si hanno notizie di Giuseppe Antonelli, 51 anni di Gussago: il fratello Fulvio poche ore fa ha lanciato un accorato appello su Facebook. “Di lui si sono perse le tracce da martedì scorso – si legge – Non ha più fatto rientro a casa. A tutti coloro che lo avessero visto chiedo di chiamare il 347 8931796”.

L'ultimo avvistamento certo risale infatti a martedì, quando a seguito di una caduta accidentale in casa era stato ricoverato al pronto soccorso della Clinica Sant'Anna di Brescia: da qui è stato dimesso poche ore più tardi, e da allora non si sono avute più notizie. Di certo Giuseppe ha con sé portafoglio e documenti, ma non ha il cellulare, dimenticato a casa prima del ricovero della scorsa settimana. Anche le chiavi sono rimaste nella toppa della porta d'ingresso.

Le prime ricerche nei bar e nei luoghi del paese

“Abbiamo cercato nei bar e nei luoghi del paese che lui frequentava di più, tra cui il Circolo Acli – spiega il fratello Fulvio – ma nessuno l'ha visto negli ultimi giorni, purtroppo. Anche grazie a Facebook abbiamo raccolto qualche segnalazione, ma tutti risalgono a giorni fa. In ogni caso ho riferito tutto ai carabinieri”. La denuncia di scomparsa è stata presentata giovedì alla stazione di Gussago, ma anche sul fronte investigativo ancora nessuna nuova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quanto sembra Giuseppe indossava un giubbotto nero e un paio di jeans, ma si tratta ovviamente di informazioni indicative (potrebbe aver già abbandonato il giubbino per il caldo, ad esempio). “Sono preoccupato perché sono passati già tanti giorni – continua il fratello Fulvio – e io addirittura non lo sentivo da domenica. E' una persona fragile, e anche se si sente uno spirito libero è una persona che ha bisogno di aiuto”. Le ricerche proseguono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento