menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Cava Inferno di Ghedi (Fonte: Facebook)

La Cava Inferno di Ghedi (Fonte: Facebook)

Cava Inferno, c'è il via libera: in arrivo un milione di metri cubi di scorie

Il Broletto ha autorizzato il conferimento nella cava di Ghedi di rifiuti inerti non pericolosi

Un milione di metri cubi di scorie: è quanto potrà ospitare la Cava Inferno di Ghedi, recentemente passata in gestione alla Tecnoinerti di Polpenazze. Come riporta il quotidiano Bresciaoggi, la Provincia ha infatti autorizzato il trattamento di scorie - inerti e non pericolose - provenienti da numerose attività: dall'edilizia, alle industrie. 

La concessione è arrivata dopo che la nuova società di gestione si è occupata di bonificare il fondo della della cava, togliendo lo strato di similargilla, che sarà conferito alla Pbr di Maclodio.

Il sito, decontaminato, potrà quindi ospitare fino a un milione di metri cubi di scarti. Una concessione arrivata nonostante le polemiche e le proteste dei comitati ambientalisti di Ghedi, Castenedolo e Borgosatollo che temono un ulteriore inquinamento della zona.   
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento