rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Pralboino

Si lancia dal camion in corsa per sfuggire ai carabinieri

Due uomini sono stati arrestati per furto e ricettazione. Un complice, arrivato per recuperarli, è stato denunciato per favoreggiamento

Un furto di mezzo pesante durato un paio di giorni. Un 50enne di Fiorenzuola e un 40enne di Pavia giovedì sono stati fermati nella nostra provincia dai carabinieri di Cremona. Il primo era alla guida dell’autocarro cassonato rubato, l’altro a bordo di un’auto che lo scortava. Entrambi sono stati arrestati dopo un lungo inseguimento che si è concluso nella Bassa, a Pralboino. «Percorrevano la tangenziale di Cremona e una volta giunti a Robecco d’Oglio, sorpresi dalla presenza di due pattuglie Radiomobile impegnate in un posto di controllo, non si sono fermati all’alt e hanno proseguito la marcia a forte velocità» - spiegano i carabinieri della Compagnia di Cremona.

L’autista del camion, tallonato dai militari, ha abbandonato il mezzo in corsa, mezzo che poi si è fermato contro un guard-rail lungo la strada provinciale. A piedi, il ladro è fuggito nella campagna circostante: i militari sono riusciti a rintracciarlo nei pressi di un canale attiguo all’argine del fiume Mella, mentre saliva a bordo di una Lancia “Ypsilon” guidata dal complice sopraggiunto per tentare di recuperarlo e farlo sfuggire alla cattura. Il 40enne di Pavia, invece, dopo aver abbandonato l’autovettura Ford “Fiesta” nel parcheggio di un bar a Milzano, è stato rintracciato mentre cercava di nascondersi nei pressi  della pista ciclabile di Pralboino. Qui ha opposto resistenza all'arresto, spintonando e scalciando i militari prima della resa.

Sull’autocarro, già restituito al proprietario, erano state applicate targhe risultate provento di furto commesso a Piacenza. Il conducente della Lancia, un 21enne sinti pluripregiudicato, è stato denunciato per favoreggiamento personale. Gli altri due sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato, ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, e sono attualmente trattenuti nelle camere di sicurezza del Comando di Cremona, in attesa del processo per direttissima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si lancia dal camion in corsa per sfuggire ai carabinieri

BresciaToday è in caricamento