Cronaca

Sfila soldi, cellulari e computer ai passeggeri che dormono: ragazzo in manette

Il ladro deve rispondere anche di danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale: durante il tragitto verso il commissariato ha preso a calci il finestrino dell'auto della Polizia

Foto d'archivio

Si è intrufolato negli scompartimenti in piena notte, prendendo di mira i passeggeri che stavano dormendo nei vagoni del treno. Senza che nessuno si accorgesse di nulla ha raggranellato un bottino niente male: 500 euro in contanti, diversi cellulari e un computer portatile. E l'avrebbe anche fatta franca, se una delle vittime, al risveglio, non si fosse accorto del furto e avesse immediatamente avvisato il capotreno.

Tutto è accaduto nei giorni scorsi a bordo di un convoglio 'OBB' partito da Vienna e diretto a Milano: l'allarme è scattato alla stazione di Desenzano e sul posto si sono precipitati gli agenti del locale commissariato. Mentre il convoglio ripartiva per raggiungere il capoluogo Lombardo, il ladro è stato individuato dai poliziotti.  È bastato un rapido controllo per trovare parte la refurtiva: le banconote sottratte al turista straniero che aveva fatto scattare la chiamata alle forze dell'ordine, i cellulari e un Pc, che il ladro aveva nascosto in uno ziano. 

Per l'uomo, un 28enne rumeno senza fissa dimora e con parecchi precedenti per reati contro il patrimonio, non è finita benissimo: oltre che di furto aggravato è stato accusato di danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. Durante il tragitto per raggiungere  il commissariato di Polizia, ha infatti dato in escandescenze, prendendo a calci il finestrino dell'auto degli agenti. Condotto nel carcere di Brescia, è stato processato per direttissima: dovrà restare dietro le sbarre per quasi due anni, il giudice lo ha infatti condannato a un anno e 8 mesi di reclusione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfila soldi, cellulari e computer ai passeggeri che dormono: ragazzo in manette

BresciaToday è in caricamento