Si fanno prestare i soldi e poi falliscono: arrestati due imprenditori

In manette due imprenditori di Corte Franca, arrestati dalla Guardia di Finanza: sono entrambi accusati di bancarotta fraudolenta

Foto d'archivio

Se la spassavano in una villa da mezzo milione di euro, ma risultavano proprietari anche di un complesso immobiliare da oltre un milione e mezzo, sul lago d'Iseo: immobili che avevano costruito chiedendo prestiti alle banche, per poi dichiarare fallimento prima di restituirli, e intestare le proprietà a dei prestanome così che non venissero poi pignorate in cambio di quanto dovuto.

Operazione "Unreal estate"

E' questo il meccanismo che ha portato all'arresto di due imprenditori bresciani, entrambi residenti a Corte Franca, beccati dalla Guardia di Finanza e ora accusati, a vario titolo, del reato di bancarotta fraudolenta. I due avrebbero fatto volutamente fallire due società di capitali bresciane operanti nel settore della costruzione e della compravendita di immobili.

L'operazione è stata denominata “Unreal estate”, in sfregio all'originale “Real estate”, termine inglese che si riferisce al settore immobiliare. I due imprenditori avrebbero costruito beni immobili con i soldi delle banche, ma come detto li avrebbero poi trasferiti a società di capitali intestate a prestanomi senza poi provvedere al pagamento di quanto dovuto.

Sequestrati orologi e conti correnti

Oltre ai prestiti mai restituiti, avrebbero pure sottratto risorse finanziarie per 1,2 milioni di euro, trasferiti dai conti correnti delle società fallite. Con i soldi delle banche avrebbero realizzato, come detto, un complesso immobiliare da 7 appartamenti sul lago d'Iseo, e una villa a Corte Franca diventata poi la loro residenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'ambito delle indagini sono stati sequestrati tre orologi di pregio, del valore di decine di migliaia di euro, e conti correnti per circa 130mila euro. Al termine dell'operazione è arrivata anche l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Brescia Carlo Bianchetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Incubo coronavirus: 237 casi a Brescia, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Terribile incidente: precipita elicottero, morto dirigente d'azienda

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento