rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Cronaca Chiari

La scusa di una sigaretta, poi lo stupro di gruppo: condannati tre giovani

E' di 16 anni esatti la condanna complessiva per i tre stupratori del parco delle Rogge di Chiari

E' di 16 anni esatti la condanna complessiva per i tre stupratori del parco delle Rogge di Chiari: 5 anni e 4 mesi a testa, come in primo grado, adesso confermata anche in Cassazione, e dunque definitiva. Questi i nomi dei condannati: Zeeshan Raja, Sohail Tariq e Muhammad Suleiman, tutti e tre pakistani e all'epoca tutti e tre richiedenti asilo, ospitati nei centri di accoglienza di Castrezzato e Chiari.

Tutti e tre hanno ricorso in Appello, e solo due di loro anche in Cassazione. Ma nulla è cambiato dal punto di vista penale: la condanna è stata confermata anche nell'ultimo grado di giudizio. I tre erano stati accusati di stupro di gruppo: avevano seguito e accerchiato una ragazza di 22 anni che passeggiava da sola, al Parco delle Rogge di Chiari.

La versione più volte fornita dalla giovane è risultata quella più credibile per i giudici: a detta della ragazza, i tre l'avrebbero avvicinata con la scusa di una sigaretta, per poi trascinarla con la forza in una zona “buia”, non visibile dalla strada, e portare a termine purtroppo la loro violenza. In quella notte terribile, il 10 ottobre del 2017, la giovane sarebbe stata anche minacciata di morte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scusa di una sigaretta, poi lo stupro di gruppo: condannati tre giovani

BresciaToday è in caricamento