Castrezzato: infortunio sul lavoro, muore giovane operaio

Giambattista Gritti, muratore 38enne, era stato colpito alla testa da una trave di legno, sei mesi fa in un cantiere nel Lodigiano. Si è spento dopo sei mesi d'agonia in una struttura per le lunghe degenze

Dopo un lungo calvario durato circa sei mesi, Giambattista Gritti si è spento a Coccaglio in una struttura per  lunghe degenze. Il muratore 38enne era stato vittima di un grave infortunio sul lavoro, in un cantiere allestito presso l'ospedale Delmati di Sant’Angelo Lodigiano.

Durante le operazioni di smontaggio di un'impalcatura, Gritti era stato colpito alla testa da una trave di legno pesante cinque chili. Portato d'urgenza al San Raffaele di Milano a bordo dell'elisoccorso, era poi stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico durato più di otto ore. Successivamente, il trasferimento a Coccaglio.

Nel pomeriggio di domenica, il cuore del giovane operaio ha smesso di battere. Lunedì la salma dovrebbe far ritorno all'abitazione di via Volta. Le esequie saranno celebrate mercoledì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutta la Lombardia zona rossa fino al 27 novembre: poi cosa succede

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Covid: 10 morti e 256 positivi, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Oggi conferenza Stato-Regioni: si spera per Brescia zona arancione

Torna su
BresciaToday è in caricamento