rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca Casto

Enorme buca per sotterrare rifiuti pericolosi: nei guai azienda bresciana

Sequestrato un terreno di oltre 15mila metri quadrati

I tecnici di Arpa e i carabinieri Forestali di Idro, su indicazione della Procura, hanno posto sotto sequestro un terreno a Casto di proprietà dell'azienda Zac: come scrive il Giornale di Brescia, per ora il reato contestato è l'abbandono di rifiuti. Gli accertamenti della sede bresciana dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente avrebbero infatti individuato, in un'area di 15mila metri quadrati e fino a 3 metri di profondità, la presenza di scarti dell'edilizia, materiali stradali come bitume ma soprattutto terra inquinata e probabilmente contaminata.

Indagini tra Valtrompia e Valsabbia

Le indagini di tecnici e forze dell'ordine erano state avviate a Sarezzo, da dove sarebbe “partita” la terra contaminata poi interrata in Valsabbia. Gli approfondimenti sono poi proseguiti a Casto, dove appunto sarebbe stata rilevata la presenza di rifiuti pericolosi. Al di là dei carotaggi e delle prime evidenze raccolte, sono stati prelevati anche campioni di terreno che verranno sottoposti ad analisi specifiche. Intanto è stata aperta un'inchiesta per abbandono di rifiuti, ma non si esclude l'ipotesi anche di un'accusa di discarica abusiva. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enorme buca per sotterrare rifiuti pericolosi: nei guai azienda bresciana

BresciaToday è in caricamento