Capriolo, arrestati 5 carabinieri: abuso d'ufficio e peculato

Le accuse della procura di Brescia riguardano alcune operazioni antidroga "poco ortodosse". Tra gli indagati anche un consigliere comunale

Cinque carabinieri della stazione di Capriolo sono stati arrestati e ora si trovano agli arresti domiciliari.

Sono accusati di falso ideologico, abuso d'ufficio e peculato su un giro di arresti antidroga ritenuti "poco ortodossi". Indagato anche un consigliere comunale del paese dell'Ovest bresciano.

Le contestazioni riguardano una serie di operazioni antidroga condotte tra il 2009 e il 2012, durante le quali i carabinieri si sarebbero serviti di mezzi messi a disposizione del Comune per poter aggirare il protocollo operativo dell'Arma.

L'indagine della Procura di Brescia, di cui il nostro giornale ha dato notizia questa mattina, vuole far luce anche sui metodi utilizzati dai militari per compiere gli arresti nell'ambito dello spaccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento