menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cocaina e "fumo": l'ingrosso dello spaccio in una villetta con giardino

Secondo le prime ipotesi la casa era il magazzino di cocaina, hashish e marijuana per tutto il quartiere

Dopo tre anni di pausa forzata - era in carcere - un bresciano di 33 anni è tornato nel giro degli stupefacenti scegliendo come base operativa per i suoi traffici una normalissima villetta del quartiere San Polo a Brescia. Gli agenti del nucleo di Polizia giudiziaria della Polizia locale di Brescia hanno colto sul fatto l'uomo, finito nuovamente dietro le sbarre. 

I fatti. Nel quartiere da un po' di tempo si era sparsa la voce che la villetta, situata in via Piadena, fosse un magazzino per lo spaccio di droga. Dopo una specifica indagine è scattato il sopralluogo: quando gli agenti hanno visto alcuni tossicodipendenti uscire dall'abitazione è scattato il blitz. All'interno della casa sono stati trovati 529 grammi di cocaina purissima, ancora da tagliare, 30 grammi di hashish e 40 grammi di marijuana essicata, oltre a 1.565 euro in contanti. 

Agli arresti è finito il bresciano A.F., classe 1986, in libertà dal 2016 dopo tre anni in gattabuia, sempre per reati di droga. All'interno della villetta vivono anche due donne che sarebbero estranee all'attività di spaccio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: il Comune bresciano che ha contagi da zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento