Fisco: nei primi 5 mesi dell'anno evasi nel Bresciano 286 milioni di euro

Questo il risultato dell'attività di controllo e indagine delle Fiamme Gialle nella nostra provincia. Il 38% dei bresciani, inoltre, non rilascia scontrino o ricevuta fiscale

Le Fiamme Gialle bresciane hanno scoperto, in questi primi 5 mesi dell'anno, 44 evasori totali e paratotali, rei di aver occultato al fisco imponibili per circa 286 milioni di euro.

I dati sono stati resi noti durante la cerimonia per il 238esimo anniversario di fondazione del Corpo, celebrata nella sala ricevimenti della caserma «Leonessa».

Nel solo mese di maggio, i redditi evasi scovati dai finanzini ammontano in tutto a 62 milioni di euro.

Ma, ancora più che l'ammontare totale, è la caratteristica dell'evasione che lascia poche speranze alla volontà di fare dell'Italia un popolo civile: i lavoratori scoperti in nero sono stati, sempre dal primo gennaio 2012, novantaquattro; mentre, a seguito dei controlli su scontrini e ricevute fiscali, è emerso che la percentuale della mancata emissione arriva a un riguardevole 38%.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane papà stroncato dal Coronavirus: Alessandro aveva solo 48 anni

  • Coronavirus: giovane direttrice di banca trovata morta in casa dal fratello

  • Economia bresciana in lutto: nello stesso giorno muoiono due imprenditori

  • Coronavirus in provincia di Brescia: morti e contagi Comune per Comune

  • Coronavirus, nel Bresciano 274 contagi e 69 decessi nelle ultime 24 ore

  • "Hai combattuto da eroe": addio a Marco, morto a soli 43 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento