rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca San Bartolomeo / Via del Gallo

Due casi di febbre dengue in pochi giorni: scatta la bonifica della zona

L'intervento di una ditta specializzata

Due casi di febbre dengue a Brescia, nel quartiere Costalunga: lo scrive il Giornale di Brescia che segnala l'intervento di bonifica effettuato mercoledì da una ditta specializzata, su incarico del Comune a seguito della richiesta di Ats, l'Agenzia di tutela della salute che sta monitorando la situazione. Da quanto si apprende la dengue avrebbe colpito due persone rientrata da un viaggio all'estero.

Che cos'è la febbre dengue

Come riporta l'Istituto superiore di Sanità, la dengue è di origine virale, causata da quattro virus molto simili (Den-1, Den-2, Den-3 e Den-4) e trasmessa agli esseri umani dalle punture di zanzare che, a loro volta, hanno punto una persona infetta. Non si ha quindi contagio diretto tra esseri umani. Il virus circola nel sangue della persona infetta dai 2 ai 7 giorni.

Nell'emisfero occidentale il vettore principale è la zanzara Aedes aegypti, ma si registrano casi trasmessi anche da Aedes albopictus. La dengue è nota da oltre due secoli, presente in particolare durante e dopo la stagione delle piogge nelle zone tropicali e subtropicali di Africa, Sudest asiatico e Cina, India, Medio Oriente, America latina e centrale, Australia e Pacifico.

Sintomi e diagnosi

Normalmente la malattia dà luogo a febbre nell'arco di pochi giorni dalla puntura di zanzara, con temperature anche molto alte. La febbre può essere accompagnata da mal di testa acuti, dolori agli occhi, dolori muscolari e alle articolazioni, nausea e vomito, irritazioni della pelle. I sintomi tipici sono spesso assenti nei bambini.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due casi di febbre dengue in pochi giorni: scatta la bonifica della zona

BresciaToday è in caricamento