rotate-mobile
Cronaca

Donna uccisa e fatta a pezzi: caccia al mostro, c'è paura nel piccolo borgo

La memoria torna ai macabri precedenti: da Laura Ziliani ai coniugi Donegani

La strada chiusa al traffico, i Vigili del Fuoco e i Carabinieri, i militari della Scientifica: non è cosa da tutti i giorni in nessun luogo del mondo, tanto meno nella piccola frazione di Paline, poco più di 70 abitanti a sud-ovest del territorio di Borno, ai confini con la Val di Scalve e la provincia di Bergamo. E' qui che ancora domenica sono stati trovati i resti di una donna non ancora identificata, tagliata in 15 piccoli pezzi, decapitata e con il volto bruciato, probabilmente anche congelata. L'ha trovata un residente della zona, dopo aver avvistato alcuni sacchi neri sul ciglio della strada.

In paese, dicevamo, l'inquietudine è tanta. Dovunque si sia consumato il brutale omicidio, sta di fatto che il cadavere smembrato è stato portato a Borno: dunque il killer è stato in paese. E' una circostanza che fa parlare parecchio i residenti: non sono pochi quelli che non esitano a ribadirlo, “abbiamo paura”. I pensieri sono tanti, le domande anche: e se qualcuno l'avesse visto, in quel momento? Cosa sarebbe potuto succedere?

I macabri precedenti

Un paese sotto shock, anche se la Valcamonica non è nuova a macabri avvenimenti. Anche in tempi recenti, come nel caso del ritrovamento del corpo di Laura Ziliani, l'ex agente di Polizia Locale di Temù che risultava scomparsa dal maggio scorso, ed è stata ritrovata senza vita nell'ansa del fiume lo scorso agosto. Per il suo omicidio sono state arrestate le figlie Paola e Silvia Zani, e con loro il fidanzato della più grande, Mirto Milani: l'ipotesi è che l'abbiano avvelenata e poi nascosto il cadavere.

E' di qualche anno fa, invece, il ritrovamento dei corpi smembrati dei coniugi Donegani: il marito Aldo e la moglie Luisa De Leo. Abitavano a Brescia insieme al nipote Guglielmo Gatti: fu lui ad ucciderli e farli a pezzi, e per questo è stato condannato all'ergastolo. Dopo l'omicidio, da Brescia li portò fino in Valcamonica, in una decina di sacchi neri poi gettati in un dirupo al Passo del Vivione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna uccisa e fatta a pezzi: caccia al mostro, c'è paura nel piccolo borgo

BresciaToday è in caricamento