Odolo: si addormenta in auto ubriaco, ragazzo rimane paralizzato

"Ischemia del midollo spinale" è la diagnosi dei medici dell'ospedale Civile. La paralisi, che ha colpito un 23enne di Barghe, potrebbe essere definitiva

Si addormenta in auto dopo una sbronza, si risveglia completamente paralizzato. E' successo venerdì fuori dal parco Rinascita di Odolo. Protagonista un operaio 23enne di Barghe, che aveva trascorso una serata in compagnia alla festa "Punto e a capo", festa a cui hanno partecipato migliaia di giovani.

Per non rischiare la patente, il ragazzo si è  addormentato in macchina con la testa appoggiata al volante. Assieme a lui, due amiche sedute sul sedile posteriore. Sono state proprio loro che, al mattino, hanno cercato di svegliare il 23enne, chiedendo di essere riportate a casa. Ma, una volta aperti gli occhi, il ragazzo si è reso conto di non riuscire più a muoversi.

La diagnosi dei medici dell'ospedale Civile di Brescia parla chiaro: "Ischemia del midollo spinale". A ridurlo in questo stato, probabilmente, la posizione innaturale con cui ha dormito. Talmente innaturale che i ricettori neurali avrebbero dovuto 'comunicargli' un dolore fortissimo, tanto da obbligarlo a svegliarsi e a cambiare posizione. L'eccesso di alcol, però, li aveva completamente narcotizzati.

Al diffondersi della notizia, un intero paese è rimasto senza parole, di fronte a una disavventura che ha veramente dell'incredibile. Sotto shock il papà, la mamma ed il fratello minore. La paralisi potrebbe essere definitiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento