Banda di ladri su un furgone rubato: folle inseguimento in BreBeMi

Folle inseguimento lungo l'autostrada BreBeMi da parte di una pattuglia della Polizia Stradale che lunedì notte ha intercettato un furgone rubato. Denunciati tre italiani, forse parte di una banda di rapinatori

Folle inseguimento sull’autostrada BreBeMi, in direzione Brescia. Nella notte di lunedì, quando erano da poco passate le 3.30, una pattuglia della Polizia Stradale ha intercettato un furgone marca Renault, prima di inseguirlo a sirene spiegate per decine di chilometri.

Sotto la pioggia battente, e con visibilità ridotta, gli agenti della Polstrada non hanno mollato la presa, e all’altezza di Limbiate sono riusciti finalmente a bloccare i malviventi in fuga. I tre uomini a bordo sono poi stati identificati al comando di Chiari.

Tre italiani, tutti pregiudicati per reati contro il patrimonio. Un 40enne milanese e due siciliani di 55 e 60 anni, residenti anche loro in provincia di Milano. Il furgone con cui cercavano è risultato essere rubato, un furto denunciato pochi giorni fa a Vignate: gli erano poi state sostituite le targhe, rubate anch’esse.

Sono stati denunciati e indagati a piede libero. A bordo del mezzo infatti attrezzi da scasso, e perfino una ricetrasmittente sintonizzata sulle frequenze della polizia. Secondo gli inquirenti si potrebbe trattare di parte di una banda, forse di rapinatori, a cui mancherebbe un ‘pezzo’: altri complici, a bordo di un’altra vettura non ancora identificata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento