rotate-mobile
Cronaca Anfo

Anfo: confermati i domiciliari per la maestra dei maltrattamenti

Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Brescia: Laura P. dovrà attendere tra le mura di casa l'inizio del processo con rito abbriaviato previsto per il 21 giugno

Laura P., la maestra di Anfo al centro di un'inchiesta per maltrattamenti ai danni di alcuni alunni della scuola materna, dovrà restare agli arresti domiciliari. A deciderlo il tribunale del Riesame di Brescia.

L'insegnate 52enne dovrà così attendere nella sua abitazione la prima udienza del processo con rito abbreviato fissata per il 21 giugno. Le accuse a suo carico, nel corso delle indagini, si sono aggravate - oltre ai filmati delle videocamere nascoste - anche delle testimonianze di colleghi.


I metodi usati dalla maestra, tra cui schiaffi o tirate di capelli, erano a sua detta necessari per educare gli alunni meno obbedienti mentre, per i giudici, si tratta di «reiterate ed abituali condotte vessatorie, costituite da violenza fisica e psicologica». A difendere in aula Laura P. ci sarà l'avvocato Giuliana Ruggeri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anfo: confermati i domiciliari per la maestra dei maltrattamenti

BresciaToday è in caricamento