Cronaca

Ucciso per un debito di droga: solo la mano di Giulia nelle 81 coltellate mortali

Continua il processo a Giulia Taesi per l’omicidio di Riad Belkhala, morto a 49 anni il 13 aprile del 2016: per l’accusa sarebbe stata lei e solo lei a sferrare le 81 coltellate che lo hanno ucciso

Giulia Taesi e Manuel Rossi

Il fidanzato Manuel che lo teneva fermo, seduto di dietro, la fidanzata Giulia che invece lo accoltellava: lo avrebbe colpito 81 volte. Sarebbe solo e soltanto lei, Giulia Taesi, l’esecutrice materiale dell’omicidio di Riad Belkhala, ucciso a bordo della sua auto a Zocco di Erbusco, a quanto pare per un debito di droga che i due giovani poi arrestati non riuscivano a saldare.

Manuel Rossi è già stato condannato a 17 anni di carcere, con rito abbreviato il 20 giugno scorso. Il processo della fidanzata è invece in corso proprio in questi giorni. E l’accusa non avrebbe più dubbi, come da sostenuto da sempre: è stata lei a sferrare le coltellate mortali (appunto, 81) che il 13 aprile del 2016 hanno portato alla morte di Belkhala.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso per un debito di droga: solo la mano di Giulia nelle 81 coltellate mortali

BresciaToday è in caricamento