Domenica, 13 Giugno 2021
Attualità

Ritrovate nel fango le ossa di un bambino: sono quelle del piccolo Gabri?

Ultimi giorni di ricerche al lago Lucone di Polpenazze: recuperato lo scheletro parziale di un bambino vissuto più di 4000 anni fa. L'ipotesi che appartengano a "Gabri", il teschio trovato nella stessa zona nel 2012

Straordinaria scoperta al lago Lucone di Polpenazze del Garda: gli scavi coordinati dalla Fondazione Piero Simoni e dal Museo Archeologico di Gavardo – in collaborazione con tre diverse università italiane – hanno permesso di recuperare lo scheletro parziale di un bambino vissuto circa 4000 anni fa, poco prima del 2000 avanti Cristo, morto a soli 2 anni e mezzo e a quanto pare seppellito in prossimità di quelle che erano le palafitte abitate dell'antica Età del Bronzo (circa un ettaro di abitato, là dove c'era un lago che è stato bonificato nel XVI secolo).

La scoperta va ad aggiungersi a quella altrettanto straordinaria del 2012, quando l'archeologo Gabriele Bocchio riuscì a recuperare un teschio ottimamente conservato di un bimbo - chiamato appunto "Gabri" - che si scoprirà morto di otite. E adesso si apre la vera curiosità archeologica: lo scheletro e il teschio erano dello stesso bambino? Oppure come più probabile, avendo trovato dei “doppioni” di ossa del bacino, i bambini sepolti erano due?

Tutto ancora da scoprire. In prima battuta le ossa ritrovate durante questa campagna di scavi saranno inviate a Padova, dove già si sta studiando il teschio, per verificare nei dettagli ogni possibile compatibilità. In ultima istanza non si esclude nemmeno che si possa ricorrere all'esame del Dna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrovate nel fango le ossa di un bambino: sono quelle del piccolo Gabri?

BresciaToday è in caricamento