Il grande cuore di Paolo Bossini. Contro il tumore torna a nuotare

A dieci mesi dalla terribile scoperta di un tumore al sistema linfatico che l'aveva costretto a smettere l'attività sportiva, il ranista di Villa Carcina ha mantenuto la promessa che aveva fatto con se stesso, quella di riuscire a tornare presto ad allenarsi

Paolo Bossini torna a sfrecciare nelle corsie delle piscine olimpioniche. A dieci mesi dalla terribile scoperta di un tumore al sistema linfatico che l'aveva costretto a smettere l’attività sportiva, il ranista di Villa Carcina ha mantenuto la promessa che aveva fatto con se stesso, quella di riuscire a tornare in pochi mesi ad allenarsi, per se stesso e per le olimpiadi di Londra del 2012.

Centre imprese, oltre a un fisico forte e resistente, richiedono soprattutto un grande cuore: «Oggi sono tornato in piscina, - ha dichiarato - a dire il vero avevo provato a iniziare un paio di mesi fa, ma poi mi avevano fermato perché non ero ancora in condizione di potermi allenare. Che dire, questa sembra sia la volta buona: i dottori non mi hanno dato la certezza della mia guarigione, la prossima settimana avrò i risultati e potrò ufficializzarla; però sto bene, mi sento bene, anche se l'impatto con l'acqua è stato devastante. Ho perso tantissimo in dieci mesi, non rientro dopo una pausa estiva, il mio fisico è cambiato e non posso adesso metterlo troppo sotto pressione. Però, che felicità tornare a nuotare. Credo ancora nelle olimpiadi. So che è durissima, ma voglio arrivarci. A tutti i costi. Solo tra cinque anni i medici potranno dichiararmi clinicamente guarito, ma dopo l'ok non mi fermerà più nessuno».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento