Cronaca

Gioielli, quadri e ville per 5 milioni: la bella vita degli usurai di provincia

Tassi d'interesse anche del 265% ogni mese per la coppia di usurai arrestata a Verona: lei di 69 anni, lui di 63, e poi una complice di 39 che si occupava del riciclaggio e dell'intestazione fittizia di beni, Sequestri per 5 milioni

Tre arresti e sequestri preventivi per circa 5 milioni di euro: si chiude (per ora) così l'inchiesta veronese condotta da Procura e Polizia Tributaria della Guardia di Finanza, in merito ai presunti usurai che con base a Verona operavano però anche fuori provincia, tanto da coinvolgere anche alcuni imprenditori bresciani.

Imprenditori che sarebbero ricorsi alla coppia di presunti usurai – lui di 63 anni, lei di 69, e poi una complice di 39 – per ottenere denaro contante in tempi brevi, ma spesso con interessi da capogiro. Come riportato dalla stampa locale infatti pare anche alcuni tassi d'interesse raggiungessero il 265% mensile.

I primi due sono accusati di usura ed esercizio abusivo di attività finanziaria, la terza invece di riciclaggio, impiego di denaro di provenienza illecita, intestazione fittizia di beni. Era lei la 'titolare' dei beni immobili e delle società poi sequestrate, in tutto fino a 5 milioni di euro. Pare fosse l'intestataria di 45 immobili tra Verona, Brescia e pure Napoli.


Le vittime: non solo imprenditori in difficoltà ma pure gente comune, lavoratori dipendenti o disoccupati, poi travolti dai mostruosi tassi d'interesse. Nel corso delle perquisizioni gli agenti hanno recuperato anche 12mila euro in contanti, gioielli e quadri di valore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioielli, quadri e ville per 5 milioni: la bella vita degli usurai di provincia

BresciaToday è in caricamento