Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Suonano alla porta, apre e gli sparano: presi gli aggressori, abitavano nel Bresciano

L’agguato giovedì sera a Suzzara, nel Mantovano: ferito un 24enne dominicano. I due aggressori, entrambi residenti nel Bresciano, sono stati fermati a Torino.

Foto d'archivio

Hanno bussato alla porta di casa della sua fidanzata, lui è uscito ed è stato raggiunto da un colpo sparato a bruciapelo. Ci sono volute poco più di 48 ore per fermare gli aggressori del 24enne dominicano Marcos Adonis Jimenez, ferito all’addome da un colpo di pistola lo scorso giovedì sera fuori da un condominio di Suzzara, nel Mantovano. 

Chi sono gli aggressori

Si tratta di due giovani sempre di origine dominicana: Cornelio Tiburcio Abreu, di 22 anni, e  Fernando Adames Deivi, di 32 anni. Entrambi pregiudicati, come la vittima, risultano risiedere - rispettivamente - a Gussago e a Desenzano del Garda. Di fatto vivrebbero a Terni, così come il ferito che è stato operato e non sarebbe più in pericolo di vita.

Li hanno presi a Torino, gli agenti del reparto volanti della Questura Piemontese: viaggiavano a Bordo di una Fiat Punto nera, quando i poliziotti li hanno fermati per un controllo. Tanto è bastato per riconoscere i due, che erano già stati identificati e segnali dai carabinieri di Mantova, grazie alle testimonianze e ai video delle telecamere.

Nell’auto è stato trovato un coltello ma non la pistola usata nell’agguato: secondo chi indaga si sarebbe trattato di un regolamento di conti tra bande rivali. 

Subito dopo aver sparato al connazionale erano fuggiti a bordo di una Bmw, ma la loro fuga è durata molto poco. Ora sono in carcere, a Torino: devono rispondere di tentato omicidio, sequestro di persona e porto abusivo di armi da fuoco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suonano alla porta, apre e gli sparano: presi gli aggressori, abitavano nel Bresciano

BresciaToday è in caricamento