Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Centro / Piazzale Arnaldo

"Mi ha costretta a un rapporto sessuale": l'incubo di una ragazza disabile

Invitata in casa per un caffè e poi violentata in camera da letto: accuse pesantissime per un ragazzo di 29 anni.

Si sarebbero conosciuti alla fermata dell'autobus: dopo una lunga chiacchierata lui l'avrebbe convinta a salire a casa sua, non lontano da Piazza Arnaldo, per bere un caffè. Ed è qui che invece il ragazzo oggi 29enne si sarebbe approfittato di lei, una ragazza di 3 anni più giovane ma con disabilità psichica accertata: avrebbe abusato di lei costringendola a un rapporto sessuale. Insomma, l'avrebbe stuprata.

E' questa l'accusa pesantissima mossa dalla Procura (che ha chiesto 4 anni di carcere) nei confronti di un ragazzo di 29 anni di origini kosovare, da tanti anni a Brescia e tra l'altro pure sposato. La presunta vittima dell'aggressione, come detto, è invece una ragazza 26enne con disabilità psichica: i fatti risalirebbero infine al gennaio di tre anni fa.

"Mi ha spinta, spogliata e costretta a fare sesso"

Lo scrive Bresciaoggi, che ricostruire la vicenda (giudiziaria e non solo) sulla base di quanto raccolto finora. A poche ore dall'accaduto la ragazza si sarebbe presentata in Questura, accompagnata dal padre: sul corpo sarebbero state trovate delle tracce ematiche. Di fronte alle accuse, il 29enne ha sempre negato ogni addebito. “Mi ha spinto sul letto, spogliata e costretta a fare sesso”, quanto invece riferito dalla ragazza.

Anzi: alla Polizia e poi anche al giudice avrebbe riferito di come, secondo lui, la ragazza invece fosse consenziente. La prossima udienza è stata fissata tra un mese e mezzo, alla fine di aprile: non si esclude venga emessa la sentenza. Dal punto di vista giudiziario il caso era già stato archiviato, ma poi riaperto su indicazioni dei legali della presunta vittima.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi ha costretta a un rapporto sessuale": l'incubo di una ragazza disabile

BresciaToday è in caricamento