Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Le lacrime per Stefano, giovane padre ucciso da un tumore in pochi mesi

Palosco piange la scomparsa del meccanico 45enne, stroncato da un tumore in neanche 2 mesi. Lascia la moglie Monica e tre figli piccoli

Non ha nemmeno avuto il tempo di combattere: a soli 45 anni è stato strappato dall’affetto della moglie Monica e dai figli Alessia, Luca e Fabio. Stefano Vezzoli è stato stroncato da un tumore che non gli ha lasciato scampo, diagnosticatogli subito dopo Natale.

Si è spento sabato pomeriggio in un letto dell’ospedale Papà Giovanni di Bergamo, dov’era ricoverato da alcune settimane, circondato dall’affetto dei famigliari e dei tanti amici che lo andavano a trovare quasi ogni giorno. Le sue condizioni sarebbero improvvisamente peggiorate: sarebbe entrato in coma, dopo essere stato sottoposto alla prima seduta di chemioterapia.

Stefano, meccanico per professione e per passione, era molto conosciuto a Palosco, dove è cresciuto e dove abitava con la sua adorata famiglia. Un uomo allegro e solare, con la battuta sempre pronta e la testa piena di progetti. Da poco aveva realizzato il suo sogno nel cassetto: fondare una scuderia di corse che portasse il nome dell’officina che gestiva con il papà e il fratello.

Un uomo tutto casa, lavoro e famiglia, così  lo descrivono gli amici, che hanno riempito la bacheca Facebook del 45enne di commuoventi messaggi d’addio. Straziante il post scritto dalla figlia adolescente Silvia: “Ciao Papà, vieni a darmi la Buonanotte vero?” . La comunità di Palosco si è stretta attorno alla famiglia di Stefano e domani, martedì 9 febbraio, si riunirà alle 15 nella chiesa parrocchiale per dare l'ultimo saluto al suo "Guerriero".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le lacrime per Stefano, giovane padre ucciso da un tumore in pochi mesi

BresciaToday è in caricamento