Lago di Garda: giovane muore d'overdose, pusher arrestato

L'uomo è accusato di omicidio colposo e di concorso in falsificazione di documenti d'identità

Mirco Pietropoli, 35 anni di Garda, è stato arrestato dai carabinieri di Bardolino nell'ambito delle indagini sulla morte per overdose di un 27enne.

L'indagato, accusato di omicidio colposo e di concorso in falsificazione di documenti d'identità, è stato raggiunto da un provvedimento restrittivo.

Dopo la morte del 27enne, lo scorso gennaio per overdose di metadone, i carabinieri hanno avviato le indagini scoprendo il pusher che aveva fornito la dose letale.

L'Arma ha inoltre accertato che l'indagato pretendeva e otteneva dai tossicodipendenti, come forma di pagamento per la droga, le loro carte d'identità valide per l'espatrio.

Documenti che Pietropoli avrebbe poi venduto ad immigrati che cambiavano solo la foto di riconoscimento, mettendone una propria, che poi usavano per muoversi nei paesi europei e in quelli con cui avevano un accordo con l'Italia. Ma anche per compiere attività illecite per le quali venivano accusate gli ignari veri intestatari delle carte d'identità.

Sono una decina i casi accertati, ma i carabinieri ritengono che il numero sia superiore e per questo stanno proseguendo nelle indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Arrivano una Smart e una Fiat 500, poi lo scambio di droga: arrestato cantante

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Morto l'imprenditore Renato Martinelli: ucciso in tre mesi dalla malattia

  • Violenta scossa in azienda, folgorato operaio: portato con ustioni al Civile

Torna su
BresciaToday è in caricamento