Sangue sul volto, i capelli strappati: picchiata a sangue dal fratello

Storia di violenza a Soresina, sul confine tra Brescia e Cremona: una madre disperata scrive alla Procura e chiede che il figlio torni in carcere. A Ferragosto aveva picchiato a sangue la sorella più piccola

“Non potevamo restare tutti e quattro sotto lo stesso tetto. Le ragazze avevano paura, e io anche. Se mio figlio ha sbagliato, è giusto che paghi. Se ogni volta che picchia qualcuno poi viene rimandato a casa, non potrà mai rendersi conto dei propri errori”.

Queste le parole della madre del ragazzo di 26 anni di Soresina, sul confine tra Brescia e Cremona, che ha chiesto (e ottenuto) dalla Procura il rinnovo della carcerazione del figlio, che dopo aver aggredito e picchiato la sorella era stato subito scarcerato, e messo ai domiciliari.

La madre, insieme alle due figlie (una di 20 anni, l'altra ancora minorenne), aveva dunque deciso di lasciare la sua abitazione, per andare ad abitare a casa di un'amica. Impossibile convivere con un figlio così violento, avrebbe raccontato alla Procura in una lettera.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

Torna su
BresciaToday è in caricamento