menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Salò un resort da 20mila metri cubi. Botti: «Necessario al turismo»

Il sindaco Barbara Botti smorza ogni polemica sul nuovo resort di lusso che sorgerà in località Versine: 20mila metri cubi e un centinaio di suite, sala congressi e SPA. "Ma abbiamo lavorato in equilibrio, e ci sarà l'indotto"

Il Giardino, questo il nome del nuovo resort a cinque stelle, che qualcuno non ha esitato a definire “resort da sogno”, che sorgerà prossimamente a Versine di Salò, location splendida con vista altrettanto splendida. Il vaglio al progetto, presentato da una società svizzera, è arrivato dopo ore di contrattazioni nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale: pronti via, e i lavori possono cominciare. Come da copione, a fronte comunque di un voto consiliare quasi unanime, in paese già si mormora, e dall’opposizione, o meglio da Vincenzo Zambelli, le critiche del caso: “Un resort da 40mila metri cubi, a cui si aggiungono i 150mila del comparto Tavina che saranno riconvertiti, e i 20mila di Villa Adele. E poi si parla di tutela dell’ambiente..”.

Una metratura da 40mila mc, a poche centinaia di metri dal monastero della Visitazione, quasi 100 suite da 37 mq con bagno spazioso, ristorante e SPA, sala congressi, tre o quattro piani esterni e un altro interrato. La critica sembra lecita, non è così per il sindaco Barbara Botti: “Intanto voglio specificare che la superficie non supera i 7000 mq – racconta il primo cittadino a BresciaToday – e il computo totale delle volumetrie si aggirerà intorno ai 20mila mc. Ma come per il Tavina e per Villa Adele si tratta di un progetto già approvato nel PGT, e se la metratura è aumentata è solo per garantire i servizi aggiuntivi di un albergo a cinque stelle. Era già tutto previsto, non ho problemi nell’assumermi le mie responsabilità. La struttura diventerà importantissima, un punto di riferimento per il turismo, con un aumento limitato e non considerevole”.

Un’opera che rientra in un più vasto progetto di stagionalità allungata: “La struttura porterà fino a un centinaio di posti di lavoro, e tutti ‘locali’. Abbiamo volutamente scelto di lavorare con questo interlocutore (Travel Charme, ndr) perché ci ha assicurato l’assunzione garantita per i nostri giovani, e ha già contattato la scuola alberghiera di Gardone. Turismo e indotto per tutto l’anno, e non solo per i negozi ma anche per le altre strutture ricettive”.

Sull’aspetto ambientale, continua il sindaco, “abbiamo lavorato al meglio per trovare un equilibrio”. Ci saranno delle piantumazioni, appare chiaro che comunque “il resort non potrà diventare invisibile, sappiamo bene che verrà edificato in una posizione strategica. Ma siamo molto soddisfatti”. E con quella vista, lo saranno pure i clienti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Covid Bollettino Lombardia del 18 aprile 2021: tutti i dati

  • Cronaca

    Party a bordo vasca per 15 persone: tutti denunciati

  • Cronaca

    Auto in fiamme, coppia scende un attimo prima del disastro

  • Coronavirus

    Cosa riapre in Italia dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento