Salò: alla D’Annunzio di Salò la rete migliora l’istruzione

Al via l'innovativo progetto "Inter@zioni: trasformare l'ambiente di apprendimento": aule dotate di un kit multimediale completo, costituito da lavagna interattiva multimediale (LIM), computer e proiettore a parete

Nell'alto mare in cui naviga la scuola italiana, c'è un'isola felice: si tratta della scuola secondaria "G. D'Annunzio" di Salò, dove grazie all'impegno di insegnanti, genitori e sponsor pubblici e privati, si è realizzato l'innovativo progetto "Inter@zioni: trasformare l'ambiente di apprendimento".

Concepito e sviluppato nel 2011 come progetto d'eccellenza per l'innovazione della didattica e dell'ambiente di apprendimento, il progetto è giunto alla fase conclusiva di realizzazione grazie alla sinergia di idee e di azioni dei docenti referenti del progetto, prof. Batia, prof.ssa Maioli e prof.ssa Melone e dei genitori del Consiglio d'Istituto della scuola, guidati e supportati dal Dirigente Scolastico reggente, prof.ssa Mirelia Scudellari e dal Direttore dei Servizi Amministrativi, sig.ra Mariangela Marini.

La quasi totalità delle aule delle tre sedi dell'istituto è stata dotata di un kit multimediale completo, costituito da lavagna interattiva multimediale (LIM), computer e proiettore a parete.

L'allestimento di questo tipo di setting è stato possibile perché la scuola è risultata aggiudicataria di un contributo previsto dal 4° Bando Istruzione 2011 della Fondazione della Comunità Bresciana; ad esso si sono aggiunti un contributo straordinario erogato dal Comune di Salò e contributi attinti dal Diritto allo studio dei tre comuni di Salò, Gardone Riviera e Toscolano Maderno e un cospicuo finanziamento da parte di sponsor privati (Rotary Club di Salò e Desenzano del Garda, Intergreen Spa, Mesdan Spa, Vitale-Novello-Zane & Co. Srl, Faro Games Srl, BCC Bedizzole Turano Valvestino), che operano sul territorio e che credendo nell'investimento sui giovani hanno raccolto le richieste e i bisogni della scuola.

Finalità del progetto era la riorganizzazione dei tempi dell'apprendimento e degli obiettivi formativi. L'idea progettuale si fonda infatti sulla costruzione della conoscenza in modo attivo e parte dall'intento di avvalersi dell'utilizzo di supporti multimediali nello spazio-aula, durante la didattica quotidiana, per favorire un'articolata personalizzazione degli apprendimenti e percorsi di costruzione collaborativa delle conoscenze.

I sistemi multimediali (ipertesti e ipermedia), infatti, rafforzano un atteggiamento mentale aperto, dinamico e capace di essere attento a situazioni di problem solving, piuttosto che a una semplice trasmissione di nozioni e saperi.

L'iniziativa si inserisce nel progetto complessivo della scuola G. D'Annunzio di Salò, che mira a favorire l'innalzamento della qualità dell'offerta formativa e un'articolata personalizzazione degli apprendimenti, come già realizzato grazie alla Piattaforma didattica, al laboratorio di teatro dinamico e al giornale on line L'innocente, vincitore del Premio Speciale WEB nella IX edizione del concorso GiornaliNoi dedicato ai giornali scolastici.

La realizzazione del progetto "Inter@zioni", che grazie all'efficace lavoro della rete scuola-famiglia ha contribuito a dare slancio ed entusiasmo all'intera scuola, sarà presentato durante l'open-day nella mattina del 9 giugno 2012 (ultimo giorno di scuola), quando tutti i genitori degli alunni della scuola ed i genitori delle future classi prime potranno visitare alcune aule nelle quali le LIM sono installate e partecipare ad una lezione dimostrativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento